Orologio Digitale

venerdì 12 dicembre 2008

UN AUTORE, UN LIBRO ( 5 ) : DAVID GROSSMAN - A UN CERBIATTO SOMIGLIA IL MIO AMORE




DAVID GROSSMAN è nato a Gerusalemme il 25 gennaio 1954, è uno scrittore israeliano di romanzi, saggi e letteratura per bambini,ragazzi e adulti. I suoi libri sono tradotti in parecchie lingue.


Un testo importante è stato "Il vento giallo", si tratta di un saggio basato sulla popolazione palestinese nei territori occupati dagli israeliani in Cisgiordania e nella striscia di Gaza.


Questo scritto è stato accolto con entusiasmo all'estero e ha sviluppato dibattiti e polemiche nel suo paese.


David Grossman è considerato uno dei più grandi scrittori e romanzieri contemporanei, ed è famoso per il suo stile semplice ed avvincente.


Grossman ha studiato filosofia e teatro all'Università ebraica di Gerusalemme. E' stato corrispondente e attore radiofonico per Radio Kol Israel.


Nel 1984 ha vinto il premio del Primo Ministro per il lavoro creativo.


Egli vive vicino Gerusalemme per la precisione a Mevasseret-Zion. E' sposato ed ha 2 figli Jonathan Ruth. Un altro figlio Uri è morto nel 2006 durante la guerra del Libano.


I libri più importanti di Grossman sono : "Qualcuno con cui correre" e "Ci sono bambini a zig zag", altri romanzi da segnalare "Che tu sia per me il coltello" e "Vedi alla voce: amore". Quest'ultimo è considerato un vero capolavoro, in quanto è un opera originale per lo stile, attraverso mezzi espressivi inusuali e personaggi singolari, racconta la Shoah vista attraverso gli occhi e la fantasia di un bambino figlio di sopravvissuti.


Ultimo suo scritto è : "A un cerbiatto somiglia il mio amore".


Il libro racconta di Israele, la guerra dei sei giorni. Avram, Orah e Ilan, sedicenni sono ricoverati nel reparto di isolamento di un piccolo ospedale di Gerusalemme. Il conflitto infuria e nelle lunghe e buie ore del coprifuoco i tre ragazzi si uniscono in un'amicizia che si trasformerà molto tempo dopo nell'amore e nel matrimonio tra Orah e Ilan.


A distanza di parecchi anni da quel primo incontro, Orah è una donna separata, madre di due figli.


In questo libro sono illustrati il dramma di una madre e di una Nazione. Proprio come Grossman che è ormai un simbolo e una grossa affermazione della Letteratura Israeliana e mondiale.

Nessun commento:

Posta un commento