Orologio Digitale

venerdì 2 luglio 2010

ANTONIO PENNACCHI VINCE IL 64° PREMIO STREGA 2010



ANTONIO PENNACCHI con "Canale Mussolini" (Mondadori), vince il 64° Premio Strega 2010, con 133 voti; segue Cinzia Avallone 129 voti con "Acciaio" (Rizzoli).

Lo scrittore ha dedicato la vittoria al fratello Gianni e alla sua nipotina (che è in arrivo).

Gli altri finalisti erano Paolo Sorrentino con "Hanno tutti ragione "59 voti, (Feltrinelli); Matteo Nucci con "Sono comuni le cose degli amici" con 38 voti, (Ponte alle Grazie); ultimo Lorenzo Pavolini con "Accanto alla tigre" 32 voti, (Fandango).

Antonio Pennacchi 60 anni è originario di Latina, operaio in fabbrica a turni di notte fino a dieci anni fa.

Pennacchi è conosciuto per il suo libro del 2003 "Il fasciocomunista", da cui è stato tratto il film "Mio fratello è figlio unico".

Il romanzo "Canale Mussolini", edito da Mondadori, narra la storia di una famiglia contadina, i Peruzzi, sdradicata dalla sua terra d'origine nella bassa padana per andare nell'agropontino.

Su questa terra, bonificata dalla malaria negli anni del fascismo, arrivano molti coloni dal nord, emiliani, veneti e friulani, insieme ai Peruzzi, capeggiati dal carismatico e coraggiooso zio Pericle fascista.

E' lui a convincere tutti a scendere dalle pianure padane: i vecchi genitori, i fratelli, le nuore ecc.

Ad emergere però è sua moglie Armida, generosa, un pò strega.

In questa saga familiare emerge anche la figura del nipote prediletto Paride, che sarà però causa della sfortuna che travolgerà i Peruzzi.

Nessun commento:

Posta un commento