Orologio Digitale

sabato 26 settembre 2015

LE VIE DEI TESORI 2015 FESTIVAL CULTURALE PALERMITANO ALLA RICERCA DEI TESORI NASCOSTI





Dal 2 ottobre all’1 novembre, dal venerdì alla domenica, torna l'appuntamento con "LE VIE DEI TESORI", manifestazione culturale nata otto anni fa per celebrare il Bicentenario dell’Ateneo di Palermo è diventata un Festival che mette a disposizione 60 istituzioni con l’obiettivo di valorizzare i loro beni materiali e immateriali.

Quest'anno saranno aperti 63 luoghi con visita guidata; verranno condotte 130 passeggiate urbane da studiosi, botanici, naturalisti; si svolgeranno 50 laboratori “d’autore” per bambini e ragazzi dedicati alla storia, all’astronomia, alla lettura, al libro; avranno luogo 52 eventi strettamente connessi all’identità dei luoghi con scrittori, musicisti, autori pronti a raccontare, presentare, intrigare il pubblico.

Saranno ospiti: Gian Antonio Stella, Marco Belpoliti, Simonetta Hornby, Claudia De Lillo, Franco La Cecla, Marcello Sorgi, Andrea Purgatori, Gianni Riotta, Enrique Vargas.

Ci sara anche il festival che accoglie anche Zyz, l'Annuario fotografico contemporaneo promosso da Navarra editore.

La manifestazione inizierà il 3 ottobre e andrà avanti per i quattro weekend del mese (venerdì 3, sabato 4, venerdì 5; venerdì 10, sabato 11, domenica 12; venerdì 17, sabato 18, domenica 19; venerdì 24, sabato 25, domenica 26).
Le prenotazioni al call center cominceranno il 26 settembre, tel.091.23893000, ogni giorno dalle 10 alle 18.

Scopo delle "Vie dei Tesori" è quello di trasformare sempre di più una manifestazione culturale in un’occasione di autentico sviluppo del territorio.

Molti i musei che parteciperanno: Pitré, Gemmellaro, Doderlein, Museo dei motori e del meccanismi, il Museo diocesano, il Museo delle Marionette, il Museo archeologico Salinas in corso di restauro, le biblioteche come l’Archivio storico comunale,l’Archivio di Stato,  la Biblioteca di Casa Professa e la Biblioteca regionale “Alberto Bombace”. I teatri come il Massimo, il  Biondo.

Aperte anche due straordinarie dimore nobiliari, Palazzo Alliata di Villafranca e Palazzo Asmundo. 

Tanti gli itinerari all’aperto: i giardini di Palazzo Reale, l’Orto Botanico, e quest’anno la Fossa della Garofala risanata, l’ultimo lembo di Conca d’Oro dentro la città universitaria, lo Steri, che riapre alle visite guidate e mostra il suo chiostro restaurato, le Carceri dell’Inquisizione con i graffiti e i dipinti dei prigionieri; le Catacombe dei Cappuccini con le nuove scoperte; i Qanat, acquedotti sotterranei inventati dagli arabi. 

Aperte anche, grazie alla collaborazione dell’associazione Asamas, due gallerie private con la guida straordinaria degli antiquari.


"Le vie dei tesori": quattro weekend di mostre, attività ed eventi, a partire dal 3 ottobre 2015, rappresentano anche una sfida di autosostenibilità. 

La manifestazione, a eccezione del fondamentale contributo delle istituzioni che mettono a disposizione i luoghi, il personale, le competenze, e a eccezione di qualche prezioso supporto istituzionale e privato si finanzia sostanzialmente con il contributo dei partecipanti.

Sono gli stessi visitatori, quindi, cittadini e turisti, a rendere possibile la manifestazione. I luoghi così si visitano attraverso un carnet che consente 10 ingressi con 10 euro, oppure un carnet che consente 4 ingressi con 5 euro, mentre l’ingresso singolo è di 2 euro.

Le passeggiate prevedono un contributo di 3 euro, i laboratori per i bambini un contributo da 3 a 5 euro, gli eventi sono in gran parte gratuiti, ma prevedono talvolta un contributo medio di 3 euro per il sostegno delle spese.

Questi contributi servono a supportare l’intera manifestazione, dalla stampa delle brochure al rimborso per le guide. 

I tesori saranno mostrati con visite guidate qualificate degli Amici dei Musei siciliani, che si svolgeranno nella maggior parte dei casi dalle 10 alle 18.

 Le passeggiate sono tutte su prenotazione.

 Gli eventi sono taluni a ingresso libero, altri su prenotazione. 

 

Nessun commento:

Posta un commento