Orologio Digitale

domenica 30 aprile 2017

UN AUTORE, UN LIBRO ( 42 ) : ANTONELLA LATTANZI - UNA STORIA NERA








ANTONELLA LATTANZI è nata a Bari nel 1979. Vive a Roma. Ha debuttato con il libro "Devozione", Einaudi- Stile libero, 2010.


Nel 2013 pubblica "Prima che tu mi tradisca", Einaudi .



Ha collaborato al programma televisivo "Le invasioni barbariche". Per il cinema la Lattanzi ha scritto la sceneggiatura di "Fiore" del regista  Claudio Giovannesi.



Ultimo libro pubblicato è "Una storia nera", Mondadori, 2017.


Si tratta  di un giallo, di una storia d'amore noir. Vito Semeraro scompare nel nulla, il giorno dopo la festa di compleanno della figlia minore.

Vito si è separato da tempo dalla moglie Carla. La piccola Mara, il giorno del suo terzo compleanno si sveglia chiedendo di papà . Carla per renderla felice, lo invita a cena. In realtà, anche lei in fondo ha voglia di rivedere Vito. Sono stati insieme per tutta la vita, da quando lei era una bambina. Vito però è un marito geloso, violento e capace di picchiarla per un sorriso al tabaccaio, per un vestito troppo corto. "Può mai davvero finire un amore così? Anche così tremendo, così triste".

A due anni dal divorzio, la famiglia si riunisce per una sera. Vito, Carla, Mara e i due figli più grandi, Nicola e Rosa. I regali, la torta, lo spumante: la festa va sorprendentemente liscia. Ma nelle ore a seguire di Vito si perdono le tracce.

Carla e i ragazzi lo cercano disperatamente e non sono gli unici, perché un'altra figlia, una famiglia clandestina che da sempre relega in secondo piano.

Ma anche dei colleghi che lo stimano e soprattutto, una sorella e un padre potenti giù a Massafra, in Puglia, i cui amici si danno da fare per scoprire la verità a modo loro.

Sarà la polizia a trovarla, una verità. Alla giustizia verrà affidato il compito di accertarla.
Ma in questi casi può davvero esistere una sola e chiara verità?

Vi lascio con questo interrogativo...  

( Nelle foto l'autrice Antonella Lattanzi e la copertina del libro ).


Nessun commento:

Posta un commento