Orologio Digitale

lunedì 10 gennaio 2011

UN AUTORE, UN LIBRO ( 15 ) : PIETRO CITATI - LEOPARDI








PIETRO CITATI è nato a Firenze nel 1930. Si è laureato in Lettere alla Normale di Pisa e ha iniziato la sua carriera di critico letterario , collaborando a riviste come "L'approdo", "Paragone" e "Il Punto" insieme a Pier Paolo Pasolini.


Ha scritto per "Il Corriere della Sera" e "Il Giorno", oggi è una delle firme più autorevoli del quotidiano "La Repubblica".


Citati, saggista è anche uno dei Direttori della Fondazione LORENZO VALLA.


Scrittore poliedrico, si è cimentato nelle biografie di letterati come Kafka, Goethe, Tolstoj, Leopardi ecc.


Le sue opere più celebri sono: "Goethe", 1970; "Il tè del cappellaio matto", 1972; "Alessandro Magno", 1973; "Tolstoj",1983; "Il male assoluto", 2000; "La civiltà letteraria europea da Omero a Nabokov", 2005; "La malattia dell'infinito", 2005.


Nel 2010, pubblica "LEOPARDI", per Mondadori.


Questo saggio, muove i primi passi nelle vicende dei genitori del poeta, Monaldo e Adelaide Leopardi.


Citati, analizza il poeta di Recanati, tutto il suo mondo immaginario nella biblioteca del padre.


Racconta l'infanzia e l'adolescenza, l'insorgere della malattia tra i 16 e i 19 anni, descritta dal Citati con molta serietà.


Inoltre si parla di un Leopardi dotato di un'immensa vitalità, di amori sognati, per la cugina Geltrude Cassi e la narrazione di viaggi a Roma, Pisa e soprattutto Napoli, città prediletta per la sua vivacità, per il suo caos, la costiera e le stelle.


Pietro Citati ha dichiarato che questo libro lo ha impegnato fino allo sfinimento, perchè capire Leopardi è difficilissimo ma il risultato finale è un'opera straordinaria, densa di avvenimenti e curiosità .


Un saggio ottimo, per capire un grande poeta : GIACOMO LEOPARDI !

Nessun commento:

Posta un commento